chicago86

Miscellanea (arch. stor.)

La guerra preventiva

matanza_escuelaLa mattanza della "Escuela Santa Maria de Iquique"

Arrivavano a Iquique, una città del nord del Cile dov'erano ancora evidenti gli esempi di quell'architettura coloniale che gli spagnoli a suo tempo avevano disseminato in tutte le città del Sud America. Provenivano dal distretto minerario di Tarapaca, erano migliaia di uomini e di donne, in lunghe file nere e dolenti, accompagnati da vere e proprie "nidiate" di bambini. Avevano attraversato il deserto di Atacama, il deserto più arido al mondo, dove non esiste nemmeno un'oasi e passano decenni prima che le nuvole lascino cadere almeno un velo di pioggia.

A partire dal 14 dicembre del 1907 avevano cominciato a discendere il passo diretti verso la spiaggia, quasi nessuno tra di loro aveva mai visto il mare, poi si accasciavano spossati per la lunga marcia che era durata giorni e giorni. Si erano messi in sciopero pochi giorni prima, il 10 per la precisione, e poi erano partiti a piedi da una delle trenta aziende-miniere quasi tutte di proprietà di due inglesi: John Thomas North e Robert Harvey, che tutti conoscevano come "Los Reyes del Salitre" e che punteggiavano quella che in Cile era chiamata la zona del "salitre", che poi in termine scientifico è conosciuto come nitrato di potassio. Il "salitre" era allora l'elemento indispensabile per la fabbricazione di qualsiasi esplosivo e serviva anche e soprattutto per la conservazione dei salumi e della carne.

e-max.it: your social media marketing partner

Morte = profitti

arbeit macht freiAprile 2011

Gli effetti materiali esterni dei processi produttivi inquinanti, purtroppo per la borghesia, non nuociono unicamente ai proletari esposti ai veleni delle fabbriche in cui lavorano, tanto sono vertiginose le dimensioni raggiunte da tutta quella serie di patologie tumorali e mutagene che ricadono come una condanna capitale sull’intera specie (anche se l’incidenza delle cosiddette malattie professionali rispetta, nelle proporzioni, le cifre "materialistiche" della divisione in classi). E sebbene la scienza medica riveli spessissimo il suo carattere di strumento pilotato dalla classe dominante, i cui graduali passi avanti compiuti nella ricerca scientifica sono costantemente zavorrati e reggimentali dagli enormi interessi delle case farmaceutiche e delle varie sanità imperialistiche, ciò non toglie che sia oramai di pubblica conoscenza la conclusione che la propagazione endemica del cancro, nei paesi a più alto sviluppo, è per lo più provocata da fattori "non naturali" e quindi da sostanze chimiche dannose, prodotte dall’uomo per ripagare l’obbligata necessità di continua valorizzazione del capitale.

e-max.it: your social media marketing partner

Disoccupati recalcitranti e ristrutturazione dello Stato Sociale oggi nel Regno Unito (Da Aufheben)

manifestanti con cartelli1. Introduzione

Negli ultimi tempi, le varie forme del sussidio di disoccupazione inglese, "the dole", sono state al centro di diverse proteste nel Regno Unito. Il gruppo che scrive Aufheben ha preso parte a queste proteste.

Quali proletari a cui in certe circostanze occorre ricorrere al sussidio come mezzo di sussistenza, lottare per difenderlo è tutt'uno con la difesa dei nostri bisogni. Ma questa lotta ha conseguenze che vanno al di là dei bisogni della particolare categoria dei disoccupati. Di fatto, la nostra strategia di lotta si è concentrata sulla connessione tra sussidio e salario. In un certo senso, infatti, i sussidi giocano il ruolo di valore base dei salari: se tale base viene attaccata, anche i salari sono sotto attacco.

e-max.it: your social media marketing partner

Contea di Schuylkill 21 giugno 1877

molly maguiresAlex Campbell, John "Black Jack" Kehoe, Michael Doyle, John "Yellow Jack" Donahue ascoltavano, quasi distratti, anche senza volerlo, ci avevano fatto ormai l'abitudine, i rumori dei carpentieri che da giorni stavano costruendo la forca che avrebbe loro schiantato il collo quella mattina del 21 giugno del 1877.

Quando li vennero a prendere, Alex Campbell raccolse qualcosa da terra, poi disse ad alta voce: "Non sono colpevole!", e sbatté il palmo della mano aperta sul muro salnistroso della cella, dove era stato rinchiuso assieme ai suoi amici. Uscirono, uno dietro l'altro dall'umidità e dal buio della prigione e subito sbatterono gli occhi nel sole accecante di quella calda estate.

I "Thugs", velocemente e con perizia, legarono le mani dietro la schiena a tutti e quattro, poi li scortarono alla forca, fendendo una folla silenziosa. Ai balconi delle case in legno e sui bordi della strada polverosa vigilavano decine di uomini, tutti armati di fucile che lasciavano correre sguardi nervosi e preoccupati sulle centinaia di uomini e di donne che ormai aspettavano da ore. I primi tra di loro erano arrivati, dopo aver camminato per tutta la notte, che non era ancora sorto il sole, e subito si erano sistemati vicino al patibolo. Poi erano venuti tutti gli altri, famiglie intere, bambini compresi, se ne stavano lì, tutti in silenzio, in una sorta di minacciosa attesa.

e-max.it: your social media marketing partner

Sciopero generale: per saldare la lotta di tutti i lavoratori, più precari che mai

precari_in_lottaDi fronte alla situazione generale dei lavoratori, che vedono il loro posto di lavoro farsi sempre più precario, malpagato e insostenibile, alcune ricorrenti misure finanziarie o legislative rappresentano solo una parte del problema reale.

I proletari hanno sempre vissuto in una condizione precaria più o meno accentuata a seconda della situazione economica. Ma oggi, con la crescente automazione e razionalizzazione, con il risparmio di una quantità enorme di manodopera, il posto di lavoro diventa più aleatorio che mai, e una parte crescente della popolazione diventa semplicemente superflua. Inoltre i prezzi delle merci, compreso quello della forza-lavoro, si confrontano direttamente sul mercato globale. Così un salario occidentale non può certo competere con uno cinese o indiano. Quindi leggi apposite (Treu, Biagi) prendono atto del cambiamento cercando di istituzionalizzare le condizioni "asiatiche" venutesi a realizzare sul territorio nazionale. Le aziende possono in tal modo mantenere un nucleo di lavoratori "fidelizzati", accedere a una "riserva indiana" poco costosa e senza vincoli, e sfruttare al massimo la concorrenza fra lavoratori che ne deriva. Insomma possono disporre di una forza-lavoro-usa-e-getta.

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 9 di 16

You are here: Archivio Storico Miscellanea (arch. stor.)

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback