chicago86

L'I.W.W. La sua storia, struttura e metodi

Indice
L'I.W.W. La sua storia, struttura e metodi
Il preambolo originale dell'I.W.W.
La seconda convenzione
Il preambolo dell'I.W.W.
La struttura dell'I.W.W.
Schema generale
Metodi e tattica dell'I.W.W.
Le lotte dell'I.W.W.
Vari scioperi del 1912-1917
La lotta per la libertà di parola
Manifesto dell'unione industriale
Tutte le pagine

Collettivo editoriale calusca - libreria Milano (1976 ?)

Un po' di storia

manifesto I.W.W. one big unionNell'autunno del 1904, sei lavoratori attivi nel movimento rivoluzionario tennero una riunione. Dopo di avere discusso e scambiato vedute sulle condizioni che allora confrontavano i lavoratori degli Stati Uniti, decisero di elargire un appello per una più gran­de radunata.

Questi sei lavoratori furono: Isaac Cowen, rap­presentante in America dell'Amalgamated Society of Engineers d'Inghilterra; Clarence Smith, segretario tesoriere della American Labor Union; Thomas J. Hagerty, editore della Voice of Labor, organo ufficia­le della A.L.U.; George Estes, presidente della Uni­ted Brotherhood of Railway Employes ; W.L. Hall se­gretario-tesoriere della U.B.R.E., e William E. Trautman, editore del "Brauer Zeitung", l'organo ufficiale della United Brewery Workers of America.

Trentasei altri individui attivi nelle varie orga­nizzazioni operaie, radicali e socialiste furono allora invitati ad una riunione segreta da tenersi a Chicago, Ill., il 2 Gennaio, 1905.

Dei  trentasei  invitati,  solamente  due  declinarono di aderire alla conferenza proposta — Max S. Hayes e Victor Berger — ambedue editori degli organi delle unioni di mestiere e del partito socialista politico.

La riunione si tenne a data fissata con trenta par­tecipanti ove venne compilato l'Industrial Union Ma­nifesto che fissava anche una convenzione da tenersi a Chicago, il 27 Giugno, per lanciare le basi di un'or­ganizzazione in accordo con i principii illustrati nel Manifesto.

Il lavoro di distribuzione del Manifesto fu eseguito da un comitato esecutivo della conferenza stessa, del­la American Labor Union e della Western Federation of Miners.

Il Manifesto ebbe una larga diffusione in varie lingue.

A data fissata si riunì la convenzione con 186 de­legati, rappresentanti 34 organizzazioni locali, distret­tuali,  statali e nazionali,  con 90,000 membri.

Non tutti i delegati presenti erano in buona fede. La constatazione di questo fatto forzò i firmatarii del Manifesto a costituirsi in comitato provvisorio per esaminare le credenziali.

Questo comitato provvisorio stabilì che la rappre­sentanza per organizzazioni sarebbe stata basata sul numero di aderenti solamente in quei casi dove i delegati avevano mandato specifico dalle loro orga­nizzazioni di istaurare dette unioni come parti inte­grali della Unione Industriale qualora fosse costitu­ita. Dove i delegati non avevano questo mandato, gli venne accordato un voto per ciascuno.

Una delle delegazioni presenti perveniva dall'or­ganizzazione statale dell'Illinois della United Mine Workers of America. I membri di quel distretto a quell'epoca ammontavano a circa 50.000. Secondo la regola fissata questi delegati ebbero solamente un voto ciascuno, cosicché i lavoratori rappresentati si ri­dussero a 40.000.

Parecchie delle altre organizzazioni rappresentate esistevano solamente sulla carta; cosicché e' giusto fissare 40.000 come il numero di operai rappresen­tati alla prima convenzione.

Queste cifre dimostrano che le precauzioni adottate dai firmatarii del Manifesto servirono bene a pre­venire che gli oppositori della costituente unione in­dustriale avessero a catturare la convenzione ed an­nullare ogni sforzo per formare la nuova organiz­zazione. E' un fatto che molti delegati presenti alla prima convenzione e le organizzazioni che essi rap­presentavano hanno accanitamente combattuto l'I.W.W. dalla chiusura della prima convenzione fino ad oggi.

Le organizzazioni che aderirono come parte del nuovo organismo, furono le seguenti: Western Fede­ration of Miners, 27.000 membri; Socialist Trade and Labor Alliance, 1.450 membri ; Punch Press Operators, 168 membri; United Metal Workers, 3.000 membri; Longshoremen's Union, 400 membri; la American Labor Union, 16.000 membri; United Brotherood of Railway Employes, 2.087 membri.

La Convenzione durò dodici giorni, elesse gli uf­ficiali ed adottò uno statuto col seguente Preambolo:



You are here: Archivio Storico Miscellanea (arch. stor.) Miscellanea L'I.W.W. La sua storia, struttura e metodi

News dal ventre della balena

News feedback