chicago86

L'I.W.W. La sua storia, struttura e metodi - Il preambolo originale dell'I.W.W.

Indice
L'I.W.W. La sua storia, struttura e metodi
Il preambolo originale dell'I.W.W.
La seconda convenzione
Il preambolo dell'I.W.W.
La struttura dell'I.W.W.
Schema generale
Metodi e tattica dell'I.W.W.
Le lotte dell'I.W.W.
Vari scioperi del 1912-1917
La lotta per la libertà di parola
Manifesto dell'unione industriale
Tutte le pagine

Il preambolo originale dell'I.W.W.

"La classe lavoratrice e la classe capitalista hanno nulla in comune. Non vi può esser pace mentre la fame e la povertà regnano fra i milioni di lavoratori ed i pochi, che compongono la classe padronale, hanno tutte le ricchezze della vita."

"Fra queste due classi la lotta dovrà svolgersi finché tutti i lavoratori non si riuniranno sul campo politico, come su quello economico, per prendere e tenere quello che essi hanno prodotto con il loro la­voro, attraverso una organizzazione economica dei produttori senza affiliazioni con qualsiasi partito politico."

"L'accentrarsi sempre crescente della ricchezza e del maneggiamento delle industrie in un numero sempre minore di mani, rende le unioni di mestiere inabili ad affrontare la potenza crescente del capi­talismo, poiché le unioni di mestiere permettono uno stato di cose in cui un gruppo di lavoratori possono essere  posti  contro  un altro gruppo di lavoratori della medesima industria, apportando così la disfatta nelle lotte del lavoro. Le unioni di mestiere aiu­tano anche la classe padronale ad inculcare nei lavo­ratori la falsa credenza che la classe operaia ha degli interessi in comune con la classe padronale."

Queste condizioni disagevoli possono essere cam­biate e gli interessi della classe lavoratrice ben difesi  solamente da un'organizzazione formata in tal modo che tutti i suoi membri di una data industria, ed anche in tutte le industrie se necessario, possano abbandonare il lavoro quando esiste uno sciopero o serrata in un dipartimento di essa, facendo sì che un'offesa fatta ad uno diventi un'offesa fatta a tutti. I delegati alla prima convenzione rappresentavano quasi tutte le teorie e programmi rivoluzionari. Le tendenze principali in evidenza, pero', erano quattro: socialisti parlamentari-intransigenti ed opportunisti, marxisti e riformisti; anarchici; unionisti industriali; ed i fakiri dell'unionismo giallo. Il compito di conciliare  questi elementi  eterogenei  fu  assunto  dalla Convenzione. La conoscenza di questi fatti rende più facile comprendere le contraddizioni palesi nel Pream­bolo originale.

Il primo anno di vita della nuova organizzazione fu un periodo di lotte interne per il controllo fra i varii elementi. I due campi di politicanti socialisti ve­devano nella nuova unione l'arena nella quale dove­vano decidersi i loro meriti rispettivi. I fakiri unio­nisti cercarono di inoltrarsi bene entro la nuova or­ganizzazione per assicurare la loro esistenza in caso che essa si affermasse. L'elemento anarchico non si occupava molto negli affari interni; sappiamo sola­mente di un caso a New York, dove si allearono con un gruppo di politicanti allo scopo di controllare il consiglio distrettuale.

Malgrado questi ed altri ostacoli, la nuova orga­nizzazione fece dei progressi e combatté varie scher­maglie con i padroni, iniziando anche la pubblica­zione di un organo mensile: "L'Industriai Worker". L'I.W.W. fu anche l'iniziatrice dell'agitazione di difesa per Moyer, Haywood e Pettibone, spargendo ovunque il grido: "Debbono i nostri fratelli essere assassinati?"; essa costituì la lega di difesa, e si deve all'interessamento destato dall'I.W.W. che le altre organizzazioni sostennero la lotta per salvare la vita agli ufficiali della W. F. M., che ebbe per esito la loro liberazione. Così furono ripagati gli sforzi che la W. F. M. fece per constituire l'I.W.W.



You are here: Archivio Storico Miscellanea (arch. stor.) Miscellanea L'I.W.W. La sua storia, struttura e metodi - Il preambolo originale dell'I.W.W.

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback