chicago86

Dal ventre della balena

Metalmeccanic@: 69mila ragioni per resistere e lottare. Il 24 a Firenze

Firenze, presso la sala del dopolavoro ferroriario.

Vedi la locandina. Martedì 24 gennaio, ore 10-16, seconda assemblea nazionale dei delegati e delle delegate metalmeccaniche per il NO!

276.000 operai metalmeccanici hanno votato a favore del contratto nazionale sottoscritto da Fiom, Fim e Uilm. Una vittoria della democrazia e un voto cosciente, ci dicono i nostri dirigenti. Non abbiamo dubbi: i nostri colleghi hanno votato "sì" con coscienza. Il punto è che questa coscienza può essere cambiata.

Non solo perché le ragioni del "no" non sono arrivate in molte assemblee. Non solo perché ben presto saranno chiare le conseguenze negative del contratto. Ma anche perché da tempo veniva preparato nelle aziende il terreno perché un simile contratto potesse essere accettato.

e-max.it: your social media marketing partner

Almaviva: quel pasticciaccio brutto de via di Casal Boccone

Prime riflessioni sulla vertenza e sul referendum nella sede romana.

590 SI. 473 NO. 2 bianche. 1065 votanti su 1666 lavoratori e lavoratrici (63% di votanti, 55% di SI). Con questi numeri ieri i lavoratori e le lavoratrici ALMAVIVA hanno approvato la scandalosa proposta dell'azienda e del governo: nei prossimi giorni si cercherà quindi di far rientrare anche lo stabilimento romano nel percorso accettato prima di Natale da quello napoletano. Un tentativo, comunque, il cui esito non è per nulla scontato (le prime dichiarazioni dell'azienda, infatti, non sembrano per nulla promettenti) e che potrebbe portare ad ulteriori peggioramenti delle condizioni di lavoro, se non alla conferma di tutti i licenziamenti nei prossimi 2/3 giorni.

e-max.it: your social media marketing partner

Ccnl FIOM. 69mila buone ragioni in direzione ostinata contraria!

La commissione elettorale FIM FIOM UILM ha dichiarato conclusa la consultazione dei metalmeccanici e delle metalmeccaniche per l'approvazione dell'ipotesi di accordo firmata da FIM FIOM UILM il 26 novembre. L'80% ha approvato l'accordo (vedi i dati per regione e provincia). 68.695 lavoratori e lavoratrici hanno invece detto NO. Nessuno di noi ha mai pensato che nella consultazione potesse prevalere il NO e l'ipotesi di accordo essere bocciata. L'accordo di FIM FIOM UILM è stato approvato. Ne prendiamo atto.

Non potrebbe essere altrimenti, con una consultazione fatta in fretta a ridosso di Natale, con tante fabbriche già chiuse, in cassa o in CDS come la Piaggio. In tanti posti di lavoro le assemblee non si sono nemmeno fatte. E dove ci sono state, la posizione del NO non ha avuto alcuna agibilità, né nelle assemblee né nelle commissioni elettorali, per uno strano principio democratico per cui si può votare SI o NO, ma nelle fabbriche possono parlare solamente le ragioni del SI. Principio altre volte duramente contestato dalla FIOM e invece oggi rivendicato a gran voce (vedi per esempio la vicenda della consultazione della CGIL sul TU del 10 gennaio, quando la FIOM pretendeva che nelle assemblee e nelle commissioni elettorali fossero rappresentate anche le ragioni del NO).

e-max.it: your social media marketing partner

Un accordo che vorrebbe la resa dei lavoratori (2)

Il Contratto che FIOM FIM e UILM vogliono firmare contiene

NESSUN AUMENTO SALARIALE: solo l'inflazione, restituita per ogni anno solo dal Giugno dell'anno successivo e senza gli aumenti dell'energia. Per il 2016, l'aumento previsto, da Giugno '17, è di 9 euro lordi mensili per il quinto livello. I 50 euro a regime di cui parlano le OO SS per il 2019 sono solo il risultato di previsioni ISTAT per l'inflazione (che peraltro cambiano continuamente).

Altri 42 euro verranno versati dalle aziende "IN NATURA": in fondo pensioni, fondo sanitario, "benefit" aziendali non precisati, corsi di formazione, tutto esente da contributi.

e-max.it: your social media marketing partner

Delegat@ per il NO: l'assemblea di Firenze

Un breve resoconto dell'assemblea nazionale delle RSU metalmeccaniche sul rinnovo del Ccnl.

Martedì 6 dicembre a Firenze si è svolta l'assemblea dei delegat@ metalmeccanici per il NO all'ipotesi di accordo per il rinnovo del ccnl firmata da FIM FIOM UILM.

Erano tanti anni che non si teneva una assemblea che coinvolgeva i delegati e le delegate dell'opposizione in questa categoria della CGIL. E' stata una assemblea bella e molto partecipata. Erano presenti una settantina di compagni e compagne, RSU di fabbriche importanti, dove i settori critici e di opposizione in FIOM hanno sempre avuto ampio consenso e radicamento. Soltanto per citare le più grandi: Gkn, Same, Piaggio, Fincantieri, Motovario, Marcegaglia, Continental, Thyssenkrupp, Perini. Erano anche presenti compagni e compagne di Trieste, Parma e Pisa. Hanno partecipato e portato il loro contributo anche delegati del settore pubblico e della sanità, oltre che i Clash City Workers.

e-max.it: your social media marketing partner

Un accordo che vorrebbe la resa dei lavoratori

Il Contratto che FIOM FIM e UILM vogliono firmare contiene:

NESSUN AUMENTO SALARIALE: solo l'inflazione, restituita per ogni anno solo dal Giugno dell'anno successivo e senza gli aumenti dell'energia. Per il 2016, l'aumento previsto, da Giugno '17, è di 9 euro lordi mensili per il quinto livello. I 50 euro a regime di cui parlano le OO SS per il 2019 sono solo il risultato di una loro previsione per l'inflazione.

Altri 42 euro verranno versati dalle aziende "IN NATURA": in fondo pensioni, fondo sanitario, "benefit" aziendali non precisati, corsi di formazione, tutto esente da contributi.

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 5 di 50

You are here: Dal ventre della balena

News archivio storico

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback