chicago86

Dal ventre della balena

Francia: sciopero generale contro austerità e stato di eccezione

Sergio Bellavita.

Spera nella divisione sindacale il governo francese per imporre quella sorta di Jobs Act d'oltralpe, con lo stesso portato di precarietà, di cancellazione di tutele dal licenziamento, di ricattabilità del mondo del lavoro. Il ministro del lavoro Myriam el Khomri del governo socialista di Valls propone piccole modifiche, finte aperture. Per ora tuttavia si deve misurare con un nuovo sciopero generale che non sembra risentire affatto di alcune parziali defezioni del panorama sindacale francese dopo la prima mobilitazione del 9 marzo scorso. Nessun quotidiano è oggi nelle edicole francesi. Si sono registrati oltre 400 km di code ai caselli autostradali di ingresso a Parigi. I trasporti aerei sono paralizzati già dalla prima mattina con percentuali di voli cancellati che oscillano dal 25% al 30%. Non sono da meno i portuali del nord della Francia che hanno bloccato due importanti attracchi.

e-max.it: your social media marketing partner

Seminario Bellaria: documento conclusivo

La guerra permanente e asimmetrica è la misura della profondità e gravità della crisi capitalistica a livello globale. Il 12 marzo si è palesato in Italia un embrione di movimento contro la guerra che si preannuncia su larga scala alle porte del nostro paese. Siamo certo lontani dal poter impedire una nuova sciagurata guerra italiana in Libia ma è necessario mantenere, rafforzare e estendere il movimento contro guerra,austerità e terrore, tutte intimamente legate tra loro. Qualcosa si muove.

e-max.it: your social media marketing partner

FCA (Termoli) – Provateci voi!

Proseguono anche oggi, sabato 12 marzo, gli scioperi contro lo straordinario comandato. Segue nota dei compagni e delle compagne sulle adesioni agli scioperi

Le adesioni agli scioperi continuano ad aumentare in tutti i reparti, soprattutto lì dove, come le catene di montaggio, si fatica di più.

E questa adesione rappresenta la più efficace delle risposte da parte delle Lavoratrici e dei Lavoratori all'aumento ingiustificato dei ritmi e dei carichi di lavoro attraverso la richiesta sconsiderata di straordinari obbligatori. Tutto ciò inoltre per rispondere ad aumenti produttivi che potrebbero essere soddisfatti con una migliore organizzazione.

e-max.it: your social media marketing partner

Boicotta Carrefour!

Solidarietà ai 7 lavoratori licenziati dal centro di smistamento merci Carrefour di Roma sud. I lavoratori a tempo indeterminato sono stati prima licenziati tutti e poi riassunti a tempo determinato, con la promessa di stabilizzazione col Jobs Act a Dicembre, per accaparrarsi le agevolazioni fiscali del governo sulle nuove assunzioni.

Tutti, tranne 7 che ancora lottano per riavere il loro posto di lavoro. Il nostro sostegno e la nostra solidarietà a questa giusta lotta!

Leggi la vicenda e la campagna di sostegno a questa lotta sul sito di Clash City Workers

e-max.it: your social media marketing partner

Lettere (Roma). FCA. E.Como a Landini: fermati!

Iniziativa del 10 marzo. Volantinaggio e intervento sulla vicenda FCA a una assemblea della coalizione sociale all'università di Lettere La Sapienza di Roma. Alle nostre richieste, il segretario generale della Fiom nelle conclusioni non ha nemmeno risposto.

Vedi l'intervento di Eliana Como

Vedi anche l'appello per aderire in modo solidale al comitato FCA per il quale sono accusati i compagni.

e-max.it: your social media marketing partner

Siamo tutti incompatibili!!!

Sergio Bellavita.

Oggi si riunisce il comitato centrale della Fiom. È il primo dopo la sentenza del collegio statutario della Cgil che sancisce l'incompatibilità tra l'appartenenza alla Cgil e a comitati di lotta. Sarà chiamato a eleggere l'assemblea generale, quel nuovo organismo recentemente creato per i plebisciti ai segretari generali. In quel nuovo organismo non ci sarà, purtroppo molto probabilmente, nessuno dei cosiddetti delegati incompatibili. Il nuovo organismo testimonierà così esattamente quale è la rotta della Cgil. Lo avevamo già denunciato lo scorso anno durante la conferenza di organizzazione. Il processo di cislizzazione faceva un balzo con scelte organizzative fondate sul testo unico del 10 gennaio e sulla centralizzazione di risorse e di poteri. Quello che restava del sindacato fondato sulla partecipazione, sul protagonismo, sull'antagonismo di classe e soprattutto sulla democrazia rischiava di venire sacrificato sull'altare dell'adesione al modello corporativo tanto caro alla Cisl. La denuncia della Fiom nei confronti di delegati colpevoli di organizzare le lotte ha preso a pretesto la nascita di un comitato intersindacale. In realtà è proprio il diritto al dissenso nei confronti dell'organizzazione a venire messo in discussione.

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 10 di 48

You are here: Dal ventre della balena

News archivio storico

News dal ventre della balena

News feedback