chicago86

Egitto

Aggiornamenti dalla crisi economica egiziana

di cattivipensieri

A quasi 6 anni dalla rivoluzione che nel gennaio 2011 spodestò il presidente Mubarak, l'Egitto vede nelle ultime settimane un'accelerazione della crisi economica che da anni affligge il paese. Le misure di austerità, i tagli ai sussidi pubblici per l'acquisto dei beni di prima necessità (zucchero, farina, olio, benzina…) e la svalutazione della moneta legata alla concessione di un nuovo prestito da 12 miliardi di dollari da parte del Fondo Monetario Internazionale, aprono una spirale di rapido peggioramento delle condizioni di vita e sussistenza delle classi più povere del paese. L'esercito egiziano, attore di primo piano nell'economia nazionale, e le forze di sicurezza del presidente al-Sisi proseguono nella repressione delle manifestazioni di dissenso e dei tentativi di lotta delle organizzazioni dei lavoratori, attraverso arresti mirati, sparizioni forzate ed un controllo sempre più capillare del territorio.

e-max.it: your social media marketing partner

L'austerity del Cairo riaccende la protesta

Egitto. Sparisce la classe media, si moltiplicano i poveri, inflazione alle stelle. L'attivista Tamer Wageeh al manifesto: "Le riforme volute dal Fondo Monetario Internazionale un disastro sociale. c'è da aspettarsi lo scoppio di manifestazioni spontanee".

Le madri egiziane non ce l'hanno fatta più: il taglio dei sussidi per il latte artificiale, con il prezzo salito del 40%, ha scatenato l'ultima protesta. La scorsa settimana decine di donne hanno bloccato le strade del Cairo con i bimbi piccoli tra le braccia e mescolato la rabbia degli slogan al pianto.

e-max.it: your social media marketing partner

Egitto, la seconda vita dei sindacati indipendenti

Quello che segue è l'ultimo articolo pubblicato in Italia da Giulio Regeni, il giovane ricercatore assassinato al Cairo. L'articolo è stato scritto più di un mese fa, è stato pubblicato con pseudonimo sul sito Nena news il 14 gennaio scorso e ripubblicato dal manifesto dopo la morte di Regeni. Che qui dà conto delle attività sindacali e delle lotte operaie represse dal governo egiziano; probabilmente Giulio Regeni è stato ucciso proprio per questo. In allegato un altro articolo sullo steso argomento pubblicato sotto pseudonimo sul manifesto del 3 luglio 2015.(ndr)

Al-Sisi ha ottenuto il controllo del parlamento con il più alto numero di poliziotti e militari della storia del paese mentre l'Egitto è in coda a tutta le classifiche mondiali per rispetto della libertà di stampa. Eppure i sindacati indipendenti non demordono. Si è appena svolto un vibrante incontro presso il Centro Servizi per i Lavoratori e i Sindacati (Ctuws), tra i punti di riferimento del sindacalismo indipendente egiziano.

e-max.it: your social media marketing partner

Egitto, anniversario con scioperi

Di Gianni Del Panta e Francesco De Lellis

Egitto. A due anni dal golpe militare il sindacalismo indipendente si impegna su lotte locali dopo il divieto di sciopero imposto dal governo. L'esercito va all'attacco dei cementifici di el-Arish, mentre il governo punta su una politica liberista e a favore degli strati più ricchi, come dimostra l'eliminazione della tassa sui redditi milionari. Si tratta di una chiara predilezione del regime per i potenti gruppi di affari, a scapito delle fasce più deboli della popolazione.

e-max.it: your social media marketing partner

Egitto, gli operai si fanno sentire

di Moustafa Bassiouni 22.8.2014

La repressione non ferma il movimento dei lavoratori. Ma chi protesta deve fare i conti anche con i freni posti dalle rispettive centrali sindacali. Per questo le conquiste sono insufficienti, come il salario minimo

L'ondata di scioperi del febbraio 2014 che ha costretto alle dimissioni il governo di Hazem al Beblaui, avrebbe dovuto rappresentare un'affermazione importante per il movimento operaio egiziano. Per la prima volta dal 3 luglio 2013, giorno della destituzione del presidente Mohamed Morsi (dei Fratelli musulmani), nei servizi pubblici e nel settore industriale dello Stato si sono verificati scioperi di grande portata: i lavoratori del settore tessile e manifatturiero, dei trasporti e dei servizi di pulizia si sono uniti a quelli delle poste, della sanità e del settore giustizia.

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 1 di 4

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
You are here: Lotte in corso Africa Egitto

News archivio storico

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback