chicago86

Nuovi scioperi generali in Tunisia

Trasporti, scuole e amministrazioni sono stati paralizzati giovedì 17 gennaio in Tunisia a causa di un massiccio sciopero generale del settore del servizio pubblico (ministeri, enti centrali e locali, sanità, imprese di trasporto pubblico, ferrovie, tv, radio statali, scuole, università).

Nonostante il governo abbia emesso in extremis (mercoledì) un decreto per garantire i servizi minimi essenziali, in tutto il paese le scuole e le università sono rimaste chiuse, i trasporti pubblici bloccati e l'aeroporto di Tunisi inattivo.

I lavoratori hanno scioperato per chiedere l'aumento dei salari. Dalle piazze si sono alzati slogan contro il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e il governo, ritenuti responsabili della miseria e della disoccupazione dilaganti, ma anche contro il leader del partito islamico Ennahda, Rashid Ghannushi.

Alcuni manifestanti hanno esibito ritratti di Christine Lagarde barrato con una croce rossa, mentre il giornale dell'Unione generale dei lavoratori tunisini (UGTT) ha sfoggiato un fotomontaggio che ritraeva il premier Chahed Youssef come un fantoccio della direttrice dell'FMI. Si sono anche sentiti cori di "degage" ("sloggia") contro il primo ministro, che hanno ricordato quelli gridati durante le manifestazioni antigovernative della Primavera araba.

La Tunisia è fortemente indebitata con i creditori stranieri: nel 2016 ha ottenuto dal FMI un prestito di 2,4 miliardi di euro in quattro anni, promettendo di realizzare un ampio piano di riforme per abbassare il rapporto debito/Pil che prevede, per il 2020, una riduzione della spesa salariale del settore pubblico dall'attuale 15,5 al 12,5% del prodotto interno lordo.

Poiché i negoziati con il governo sono falliti, il sindacato UGTT, per bocca del suo segretario generale Nourredine Taboubi, ha indetto un nuovo sciopero nazionale il 20 e 21 febbraio per rivendicare salari più alti per i 670.000 dipendenti pubblici tunisini.

Share |
e-max.it: your social media marketing partner
You are here: Lotte in corso Africa Tunisia Nuovi scioperi generali in Tunisia

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback