chicago86

Uruguay, i metalmeccanici festeggiano la vittoria

uruguayI lavoratori ottengono un aumento salariale del 3% dopo un mese di scioperi e occupazioni. Garanzie sull'occupazione degli over 55, ma anche sui posti per i giovani. Arriva l'unità nel sindacato sudamericano

di Claudia Ortu per Rassegna

I lavoratori metalmeccanici dell’Uruguay possono finalmente tornare a casa dopo circa un mese di scioperi e occupazioni di fabbriche (circa 40) e festeggiare una vittoria largamente inattesa. Hanno infatti ottenuto un aumento di salario del 3 percento sopra i livelli di inflazione (che si attesta intorno al 4-5 percento) e garanzie sui livelli di occupazione per i lavoratori oltre i 55 anni, che non potranno essere licenziati fino al raggiungimento dell’età pensionabile (60 anni), ma anche per i giovani senza esperienza. Juan Alfonso, leader del sindacato Untmra, si è detto fiero dei risultati ottenuti con i 25 giorni di sciopero, soprattutto perchè l’esperienza ha fatto maturare una maggiore unità nei ranghi del sindacato.

Nuovi numeri si aggiungono a quelli associati con la costruzione della terza diga piú grande del mondo a Belo Monte, in Brasile. Il numero che si è aggiunto la scorsa settimana è 134, e conta le teste dei lavoratori licenziati in tronco dalla direzione, e spediti a casa con un convoglio scortato dalla polizia, dopo aver manifestato per chiedere un aumento del salario e migliori condizioni di lavoro. Secondo i piani del governo e della ditta costruttrice il progetto dovrebbe impiegare circa 20mila lavoratori nella costruzione, a questo punto è lecito domandarsi se il numero verrá raggiunto a forza di licenziamenti e nuove assunzioni, mentre a fine lavori produrrà 11mila megawatt, incrementando dell’11 per cento l’attuale capacità della rete brasiliana. Un ultimo numero degno di nota è quello degli abitanti che saranno trasferiti dalla zona: circa 16mila.

Nello stesso giorno in cui l’organizzazione mondiale del commercio pubblicava il suo rapporto sulle politiche commerciali dell’Equador, il 14 novembre, la confederazione internazionale dei sindacati rispondeva con la divulgazione del proprio studio sulle condizioni del lavoro nel paese latinoamericano. Le informazioni fornite dall’Ituc sono decisamente scoraggianti. Il dato più terribile è senz’altro quello sullo sfruttamento del lavoro minorile: 367mila bambini tra i 5 e i 14 anni sono infatti sfruttati illegalmente. Le donne, che soprattutto nei settori sanitario e della pubblica amministrazione sono impiegate nelle mansioni che garantiscono un minore reddito.

Uomini e donne di etnia amerindia sono sempre discriminati nella politica di assunzione delle aziende. Per tutti i lavoratori, invece, le difficoltá maggiori arrivano nel momento in cui cercano di organizzare i propri sindacati nei posti di lavoro, dove spessissimo si scontrano con le finte organizzazioni messe in piedi dagli stessi proprietari.

[tratto da www.infoaut.org]

Share |
e-max.it: your social media marketing partner
You are here: Lotte in corso Americhe Uruguay Uruguay, i metalmeccanici festeggiano la vittoria

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback