chicago86

Sciopero generale in India

Mercoledì 2 settembre oltre 100 milioni di lavoratori indiani hanno aderito allo sciopero di 24 ore indetto contro le nuove leggi sul lavoro pianificate dal governo del primo ministro Narendra Modi. Chiuse banche, esercizi commerciali e alcune industrie. Fermi treni, bus e metropolitane in quasi tutti gli stati indiani.

Lo sciopero ha mobilitato migliaia di lavoratori, oltre che a New Delhi e Mumbai - le due maggiori città indiane - negli stati di West Bengala, Kerala, Telengana, Goa e Uttar Pradesh. Pesanti scontri con le forze dell’ordine si sono registrati nel distretti di Murshidabad e Calcutta. I disagi più forti si sono riscontrati nello stato del Bengala Occidentale, dove i manifestanti hanno tentato di bloccare i binari ferroviari e hanno lanciato pietre contro la polizia che ha dovuto ricorrere agli sfollagente.

La decisione di indire uno sciopero su scala nazionale è stata presa lo scorso maggio durante un Convegno Nazionale dei Lavoratori. Le annunciate riforme del lavoro rendono più facili i licenziamenti e prevedono forti tagli ai salari: il governo ha promesso di riformare il mercato così da attirare investimenti stranieri e dare nuovo ossigeno alla terza economia asiatica.

Al contrario i lavoratori pretendono l’aumento del salario minimo, la parità di salari e benefici tra lavori simili a prescindere dal tipo di contratto, la protezione sociale per tutti.

Messaggi di solidarietà si sono avuti dai lavoratori del vicino Pakistan e degli Stati Uniti.

One World, one pain. Unite we fight!

Share |
e-max.it: your social media marketing partner
You are here: Lotte in corso Asia India Sciopero generale in India

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback