chicago86

Grecia

Grecia: il parlamento vota nuove misure lacrime e sangue, protesta ad Atene

Il parlamento greco ha votato ieri sera la riforma delle pensioni e l'aumento delle tasse imposti dai creditori internazionali e accettata da Siryza. Fuori scontri tra polizia e manifestanti ad Atene.

Molotov da una parte, lacrimogeni dall'altra. Migliaia di persone sono scese in piazza sia nella capitale che a Salonicco ieri su chiamata di diverse organizzazioni di sinistra, in particolare il sindacato comunista Pame. Ci racconta delle proteste il nostro corrispondente da Atene, Achille. Ascolta o scarica

Dentro il palazzo Tsipras ottiene la maggioranza per tre voti: 153 a favore su 300 per un pacchetto di misure e tagli da 5,4 miliardi: aumento delle tasse dirette e indirette per circa 3,6 miliardi: l'Iva sale dal 23 al 24%, la soglia di reddito senza tasse scende a 9.091 euro.

e-max.it: your social media marketing partner

Grecia: primo sciopero generale unitario del 2016 contro la riforma delle pensioni

I greci tornano in piazza per il primo sciopero generale unitario del 2016, il terzo da novembre, indetto da tutti i sindacati greci.

Il Paese è stato completamente paralizzato, fermi tutti i settori, pubblici e privati, tranne i giornalisti che hanno scioperato ieri per 24 ore per poter dare copertura alle manifestazioni di oggi.

In cima alle proteste le pensioni: il governo di Tsipras sta cercando di far passare una riforma, ordinata dall'Ue, che porterà da una parte il taglio dal 15 al 30% delle pensioni, con un massimale fissato a 2300 euro (384 euro la minima), dall'altra un aumento dei contributi da versare (+1% per i datori lavoro, +0,5% lavoratori).

e-max.it: your social media marketing partner

Grecia: scontri in piazza Syntagma nel giorno dello sciopero generale contro la nuova ondata di austerity.

Sciopero generale in Grecia e scontri con la polizia ad Atene durante una delle due manifestazioni contro la nuova ondata di austerità imposta dalla troika e accettata dal governo Siryza-Anel. Indetto dai principali sindacati del settore pubblico e privato (ADEDY e GSEE) in particolare contro con gli aumenti delle tasse, i tagli alle pensioni e il rischio di abrogare la legge che permette a coloro che hanno dei debiti verso lo stato di ripagarli in rate mensili.

e-max.it: your social media marketing partner

Grecia, un'altra giornata di sciopero

Ventiquattro ore di stop totale. Così la Grecia si prepara a rispondere al piano di austerity voluto da governo e Ue. Lo sciopero, proclamato da Gsee (lavoratori del settore privato), Adedy (dipendenti pubblici) e Pame (vicino al Partico Comunista greco), bloccherà il Paese: i tribunali, le banche e le sedi locali dell’amministrazione rimarranno chiusi, così come le scuole e gli ospedali, che rischiano la paralisi.  I traghetti e le navi rimarranno nei porti, rendendo impossibili i collegamenti con le isole.

Ad Atene sono previste due manifestazioni, con corteo di protesta fino a piazza Syntagma, davanti al Parlamento. "Quello che succede – ha dichiarato il presidente della Gsee, Giannis Panagopoulos – non è una trattativa ma la cronaca di una morte preannunciata, un ricatto sociale crudele perché un intero popolo viene comunque minacciato di povertà".

e-max.it: your social media marketing partner

Tagli, tasse, licenziamenti, svendite: la tragedia greca è "solo agli inizi"

acropolidi Argiris Panagopoulos (il manifesto)

Grecia. Ma contro la troika Ue la società non si dà ancora per vinta. Disoccupazione al 30% nel 2012: i senza lavoro saranno di più degli occupati

La ribellione di un movimento eterogeneo di funzionari, studenti, pensionati, lavoratori del settore privato e tassisti ha registrato una piccola vittoria psicologica ad Atene costringendo alla ritirata i rappresentanti della troika europea, che hanno abbandonato da due giorni la sede dell'assediato e occupato ministero delle finanze, in piazza Syntagma, per riunirsi con i ministri e funzionari del governo Papandreou in un posto più sicuro.

Atene vive questi giorni una vera rivolta di quasi tutte le categorie ed età contro la nuova raffica di tagli e l'ulteriore giro di vite nell'amministrazione pubblica. La gente protesta e assedia i ministeri, funzionari e studenti occupano. Più di 600 scuole sono già occupate, come tanti istituti professionali e facoltà. Il tempo per le iscrizioni è stato allungato. Come quello per pagare le nuove tasse. Gli scioperi e gli effetti del licenziamento del personale con contratto a termine ha paralizzato le officine del fisco.

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 1 di 2

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
You are here: Lotte in corso Europa Grecia

News archivio storico

News lotte in corso

News dal ventre della balena

  • 1
  • 2
  • 3

News feedback