chicago86

Spagna

Madrid: coordinamento di lavoratori in lotta scende in piazza

Prove di coordinamento operaio in Spagna. A Madrid il 14 luglio si è svolta la "Manifestación por la unificación de las luchas laborales": diverse realtà lavorative in lotta si sono unificate per dare vita ad un numeroso corteo (più di mille persone in marcia) che è sfilato nel pomeriggio per le vie della capitale.

La manifestazione, organizzata dalla neonata piattaforma #UnificandoLasLuchas, è partita da Plaza España e ha visto la partecipazione di collettivi e comitati di lavoratori di Phone House, Futbolmanía, Coca-Cola, Indra, Bankia, Kool-Air, Movistar, Bosal, Panrico y Correos. La strada dell'autorganizzazione è l'unica percorribile oggi: la sfida che si presenta a #UnificandoLasLuchas è stringere legami con altri gruppi di lavoratori, con i precari, i disoccupati e i movimenti di lotta che in questi anni in Spagna e altrove hanno lottato contro il fallimentare sistema dell'1%.

e-max.it: your social media marketing partner

Lavoratori in sciopero occupano la sede centrale di Telefónica a Barcellona

di Timothy Ginty

Maltrattati dalla Movistar e abbandonati dai loro sindacati, i tecnici telefonici prendono la situazione in mano - e occupano la sede della società.

Più di cento anni fa, l’Associazione Internazionale dei Lavoratori - la Prima Internazionale – dette voce a centinaia di milioni di lavoratori indigenti del mondo, quando nel 1866 dichiarò che tutti i lavoratori avrebbero dovuto godere del diritto a otto ore di lavoro, otto ore di riposo e otto ore di svago. Ci sono voluti decenni di contrattazione e anche spargimenti di sangue per raggiungere nella maggior parte dei paesi del mondo questo obiettivo, ottenuto in alcuni settori presso qualche società nella prima metà del XIX secolo mentre la maggioranza dovette attendere fino alla metà del XX secolo per godere di quello che adesso per molti sembra scontato.

e-max.it: your social media marketing partner

La lucha continua: #2015M4años

Il 15 maggio si celebra a Madrid e in tutta la Spagna il quarto anniversario del movimento #15M. Questo lo slogan del #Mayo2015M: non ci imbavaglieranno, la lotta continua nelle piazze.

Dopo le rivolte arabe del 2011, l'ondata di ribellione è arrivata in Spagna e di lì si è spostata negli Stati Uniti dando vita al movimento Occupy Wall Street. In un presente fatto di guerre, miseria e sfruttamento, l'esempio dell'Acampada di Puerta del Sol continua ad aggirarsi come uno spettro per l'Europa: basta con la vecchia politica fatta di tatticismi, propaganda e parlamentarismo, bisogna incontrarsi nelle piazze, piantare le tende, formare le assemblee permanenti e, attraverso i social media, mettersi in contatto con il resto del mondo.

e-max.it: your social media marketing partner

Spagna: solidarietà con gli scioperanti di Telefonica Movistar

Pubblichiamo la traduzione del comunicato, di Barrios Despiertos, di solidaretà ai lavoratori della multinazionale Telefonica in lotta in tutto lo Stato Spagnolo.

E' interessante notare come le strategie padronali di attacco ai lavoratori ricalchino pedissequamente strategie viste e riviste anche in Italia: affidamento a terzi di parte delle attività e deresponsabilizzazione formale da parte della multinazionale nei confronti delle richieste e proteste dei lavoratori. Ma è interessante soprattutto sostenere la lotta di questi lavoratori e i livelli di solidarietà che altri gruppi di lavoratori in città stanno mettendo in campo, cercando innnanzitutto di superare le divisioni sindacali e compattare un fronte ampio di lotta.

e-max.it: your social media marketing partner

Centinaia di migliaia a Madrid per la marcia della dignità e contro l'austerità

marchadignidadE' arrivata oggi a Madrid la "marcia della dignita", i cortei partiti un mese fa da tutte le parti della Spagna per protestare contro i tagli del governo di Mariano Rajoy e per le sue dimissioni. I sei diversi cortei sono confluiti in un'imponente manifestazione nel centro della capitale spagnola per protestare contro la ricetta di lacrime e sangue varata dal governo popolare. La polizia ha tentato di bloccarli in tutti i modi, anche impedendo ad un centinaio di autobus di entrare nella capitale, ma la forza della protesta è stata travolgente.

Alla manifestazione hanno aderito sindacati, movimenti studenteschi e gruppi che hanno animato in questi anni il movimento degli 'indignados' per denunciare "l'emergenza sociale" in cui vivono gran parte degli spagnoli a seguito dei tagli alla spesa pubblica varati dal governo conservatore.

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 1 di 3

You are here: Lotte in corso Europa Spagna

News archivio storico

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback