chicago86

Nuovo sciopero dei riders a Bologna

Sciopero rider BolognaDalle 19 alle 21 di ieri i ciclo-fattorini bolognesi che consegnano pasti a domicilio tramite le piattaforme digitali hanno provato bloccare la maggior parte degli incarichi e hanno partecipato a una "critical mass" per le strade del capoluogo emiliano. Lo sciopero è avvenuto in un altro giorno di neve. In condizioni simili si era svolta la prima giornata di astensione dal "gig-work" ("lavoretto"): era il 13 novembre 2017. Lo slogan è stato efficace: "Una pizza non vale il rischio".

Una protesta simile è stata realizzata nel "Black Friday", il venerdì americano delle spese pazze a prezzi scontati. Era il 28 novembre. In piazza fattorini di Just eat, Deliveroo e Sgnam, riuniti nel collettivo "Riders union Bologna".

Ancora dieci giorni fa, i riders della piattaforma "Glovo" hanno scioperato chiedendo il superamento della paga a cottimo e un'assicurazione su infortuni e malattia. Tra novembre e febbraio si è mosso anche il comune di Bologna che ha aperto un tavolo di confronto tra i "gig-workers" e le piattaforme. Da parte di queste ultime sono stati ancora pochi i segnali di apertura.

Il "pacco è servito: mai più consegne", questo lo slogan di ieri. Nonostante la neve e il freddo la "critical mass" ha attraversato la città, con gli ormai caratteristici borsoni termici colorati e le giacche a vento delle multinazionali del "food delivery". Le rivendicazioni: un monte ore garantito, paga dignitosa, indennità in caso di pioggia, di smog e lavoro festivo, garanzia di riparazioni gratuite, riconoscimento dei diritti sindacali, congedo parentale, chiarezza sulla privacy e sull'assegnazione dei turni.

Roberto Ciccarelli

[tratto da https://ilmanifesto.it]

Share |
e-max.it: your social media marketing partner
You are here: Lotte in corso Italia Emilia-Romagna Nuovo sciopero dei riders a Bologna

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback