Logo Chicago86
Occuprint

Feedback

Questo sito nasce con l'intento di contribuire alla nascita di un Coordinamento dei Lavoratori in Lotta e perciò la discussione ed i contatti tra lavoratori sono fondamentali. Questa sezione è quindi la più interattiva. Tutti possono contribuirvi, evitando però i piagnistei sui diritti cancellati, la rassegnazione e lo spirito di sacrificio imperante. Questo è un sito di lotta e di coordinamento e questi sono i presupposti da cui vogliamo partire.
Foto: Poster, occuprint.org 1 maggio 2011

Noi, operai in lotta al Deposito Centrale dell'Ikea, ci uniamo a tutti i lavoratori e ai giovani di  questo paese che decidono di non sacrificare la loro dignità in cambio di un lavoro miserabile e di un futuro d'incertezza e precarietà.

Da tre settimane siamo nuovamente in lotta convinti del fatto che non sia possibile vivere tra ricatti e paure.

In questi giorni abbiamo ricevuto la solidarietà e l'appoggio di molti altri operai, di ogni razza e colore, stranieri ed italiani. Dalle cooperative ai metalmeccanici, dagli operatori della sanità a quelli della scuola pubblica.

Dal nord al sud Italia, fino ai messaggi di sostegno pervenutici dai nostri paesi d'origine, abbiamo sentito parlare di noi, abbiamo sentito parlare del vostro sostegno, abbiamo visto in modo più esteso concretizzarsi quella che è stata la nostra parola d'ordine sin dall'inizio della lotta: SIAMO UNITI!

Il rumore della nostra battaglia ha superato le mura del nostro Deposito, della regione emiliana,  persino i confini di questo paese, con le TV internazionali che hanno dato notizia del nostro caso.

Non avremmo mai pensato che tutto questo potesse accadere ed invece sta avvenendo.

I momenti di sconforto li stiamo superando con la indescrivibile solidarietà che ci state dando e ci sentiamo più forti di prima dinnanzi ai giganti che stiamo affrontando, anche ora che minacciano cassa integrazione e licenziamenti per oltre un centinaio di noi.

Sembra impossibile pensare che persone che non si sono mai conosciute in vita loro, che provengono da paesi diversi, che vivono in luoghi diversi, riescano a stringere un simile legame e a parlare la stessa lingua. Il tam tam della dignità e della volontà riesce a superare ostacoli che prima sembravano invalicabili. La lingua dei lavoratori è la stessa in tutto il mondo, serve solo iniziare a comunicare, a condividere, ad impegnarsi, lottare ed organizzarsi per far valere le nostre ragioni.

Questa, è la cosa più straordinaria che ci è mai capitata.

Ci stringiamo a tutti voi, compagni vicini e lontani, lavoratori e studenti. Ci stringiamo agli operai della Fiat di Pomigliano, ai lavoratori del San Raffaele di Milano, ai lavoratori della scuola pubblica .... Ci stringiamo ai tanti giovani e studenti che ci hanno sostenuto in queste settimane.

Grazie a tutti voi, a tutte le forze sindacali, politiche e sociali che in modo onesto e scevro da qualsiasi strumentalizzazione ci hanno dato il appoggio.

Quello che stiamo ricevendo oggi, sarà contraccambiato da domani. Noi lavoratori  all'Ikea di Piacenza saremo al fianco dei nostri fratelli di classe nella comune lotta per difendere le nostre condizioni di lavoro e per contrastare questo sistema, che si basa sullo sfruttamento di una parte minoritaria nei confronti delle masse sterminate della forza lavoro nel mondo.

Uniti, uniti, SIAMO UNITI!

Lavoratori SI.COBAS - Deposito Centrale Ikea
Piacenza 09/11/2012

Karl Marx sulle rivolte e il bisogno di comunità

"Ma non scoppiano forse tutte le rivolte, senza eccezione, nel disperato isolamento dell'uomo dalla comunità [Gemeinwesen]? Ogni rivolta non presuppone forse necessariamente questo isolamento? Avrebbe avuto luogo la rivoluzione del 1789 senza il disperato isolamento dei cittadini francesi dalla comunità? Essa era appunto destinata a sopprimere tale isolamento. Ma la comunità dalla quale l'operaio è isolato è una comunità di ben altra realtà e di ben altra estensione che non la comunità politica. Questa comunità, dalla quale il suo lavoro lo separa, è la vita stessa, la vita fisica e...

30 Maggio 2020

Verso un nuovo paradigma

Martin Ford, Il futuro senza lavoro. Accelerazione tecnologica e macchine intelligenti. Come prepararsi alla rivoluzione economica in arrivo, il Saggiatore, 2017, pp. 340 euro 24.00. Martin Ford ha fondato un'impresa di software nella Silicon Valley. Il suo saggio può essere letto come una continuazione de La fine del lavoro di Jeremy Rifkin (1995), l'economista che mise in evidenza il fenomeno della "disoccupazione tecnologica" in un libro che divenne subito bestseller. Non erano mancati, anche in anni più lontani, lavori importanti sull'argomento, come quello del Premio Nobel Wassily Leontief (Gli effetti futuri...

28 Marzo 2020

Rivolta contro la legge del valore

Da mesi milioni e milioni di persone manifestano nelle piazze di molti paesi del mondo. Si tratta di un movimento globale non coordinato, che per adesso non esce dai confini dei paesi coinvolti, ma è evidente che c'è una qualche ragione oggettiva per una tale persistenza e determinazione. In molti casi questi enormi incendi sociali appaiono del tutto sproporzionati rispetto alla scintilla che li fa esplodere, come l'aumento del prezzo di alcuni generi alimentari in Iran e della benzina in Francia, la corruzione politica in Bulgaria e Algeria o la...

31 Dicembre 2019